rondini, farfalle, protezioni e pacciamature invernali

Ieri, 23 marzo, a suolo ancora gelato, le abbiamo rimosse. Le protezioni invernali, intendo. Non la pacciamatura tutta ma le ramaglie di abete e pino mugo. Non so se siano state una grande idea: che riparino dai venti è un pregio, ma che generino ombra sul suolo e che ne ostacolino il riscaldamento e lo sgelo mi sa che sia una possibilità molto probabile, e da verificare. Del resto anche Markus Obojes, che me ne aveva parlato come di accorgimento locale, dubitava della loro utilità.

le protezioni di rosa

Anche se la maggior parte della valle è innevata e i corvi sbìsigano qua e là seguendo le tracce smosse delle talpe, il tempo volge al bello: le gazze continuano ad apprezzare i semi di girasole e sono apparse le farfalle e le rondini.
La neve si è sciolta sul nostro prato e da qualche giorno narcisi e crocus e certi tulipani (Apricot Beauty?) – ai piedi del Prunus Padus – affiorano in piccoli gruppi. Di quelli naturalizzati nel prato nessuna traccia.
Api se ne vedevano anche la settimana scorsa: un po’ stordite.
Tra i sopravvissuti accertati: molte delle rose, tra cui l’ottima Nevada, le aquilegie, le euforbie, le veroniche, i papaver orientalis, i gerani piantati due anni fa, i lupini rossi, i sedum, che impazzano, i semprevivi – è chiaro – e forse gli imprudenti narcisi germogliati in novembre.
Dovrò inserire qui qualche foto.
Anzi, le aggiungerò al post di domani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...